La storia

La storia

L’esordio

La storia dell’Associazione Calcio Riozzese ha inizio nel 1964, quando un gruppo di amici guidati da Ettore Massimini, che ne diventerà Presidente, decise di fondare la squadra di calcio anche in una frazione come Riozzo, che nel frattempo cominciava la propria espansione territoriale.

I mitici anni ’80

Iscritta alla terza categoria, la Riozzese negli anni ottanta strutturò anche il proprio settore giovanile, fortemente voluto dalla compianto Ugo Guazzelli. Proprio Guazzelli quindi prese le redini della società, quando il Presidente Massimini scomparse prematuramente nel 1987. Da allora la società rosanero ha conosciuto un continuo incremento di atleti e di squadre, oltre che di risultati.

Spazio alle donne

Dal 2002 la società decise poi di affiancare alle tradizionali squadre maschili anche quella femminile, suscitando la curiosità e l’interesse di molti appassionati. E proprio il settore femminile risulterà effettivamente determinante per le sorti e il prestigio della Riozzese.

L’ascesa

Sotto la guida tecnica di Livio Polli, per sette anni sulla panchina rosanero, nel 2003 la Riozzese raggiunge lo storico traguardo della Serie A. Partite dalla Serie D, in soli cinque anni, le ragazze rosanero riescono a raggiungere il traguardo più ambito per una società di calcio. Guadagnarsi un posto fra le formazioni del campionato di Serie A. Un cammino segnato da stagioni trionfali; a partire dal 2002/2003 con la vittoria della Serie D e continuato poi nella stagione successiva con il primo posto nel campionato di Serie C e la conquista per due anni consecutivi della Coppa Lombardia. Tuttavia la rincorsa della Riozzese non si fermò e nel 2004/2005 anche la Serie B ha dovuto fare i conti con le rosanero. La squadra allenata da Franco Lanzani riuscì a conquistare la promozione in A2, dopo tre anni dalla sua fondazione. Nel corso del primo anno in Serie A2 la promozione nella massima serie è solo sfiorata; infatti le rosanero si piazzano al secondo posto, dietro solo al Porto Montavo. Una situazione che lasciò tutti con molto amaro in bocca.

Il grande traguardo

Il sogno è però solamente rimandato al campionato successivo. Tant’è che il 13 maggio 2007, la Riozzese tocca il punto più alto della sua breve storia. La vittoria sul campo del Perugia permette matematica conquista della Serie A. Un traguardo che arrivò in concomitanza con un triste evento: il 29 Dicembre 2006 morì lo storico presidente Ugo Guazzelli, il quale ha lasciato un segno indelebile nella società rosanero. Le ragazze dedicarono poi la loro vittoria al compianto presidente. Nel Giugno del 2007 la società nominò Mileto Faraguna, ex giocatore e allenatore della squadra Juniores, come nuovo presidente al posto di Ugo Guazzelli.

La caduta e la rinascita

Nel 2008-2009 le rosanero chiudono il campionato di Serie A all’undicesimo posto; questo decreta la loro retrocessione in A2. La società, a seguiti di alcune difficoltà, decise di rinunciare alla A2 e ripartire dalla Serie D regionale. La ripresa è stata lenta, ma costante. Nel 2010-11 ecco arrivare la promozione in serie C, mentre qualche anno dopo (nella stagione 2015-2016) il primo posto in Serie C regala il ritorno in un campionato nazionale alla Riozzese. Il 17 Aprile 2016, la vittoria sul campo del Varedo (con 3 gare d’anticipo) decreta la salita in Serie B delle rosanero, che chiudono il campionato al primo posto. La scorsa stagione è positiva, dato che la Riozzese si salva con molto anticipo e chiude il campionato al 10° posto.

Ed il futuro è ancora tutto da scrivere

 

Start a Conversation

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *