La primavera fa poker. Sconfitto anche il Como 2000 per 2-1

Riozzo (MI) – La marcia prosegue. La primavera di Simone Maraschi inanella la quarta vittoria consecutiva e rimane solitaria in vetta alla classifica. L’unico aspetto diverso rispetto alle precedenti partite è il goal subito. Dopo 312 minuti cade l’imbattibilità di Galmuzzi. Per il resto buona gara delle rosanero, che dopo la rete subita si sono complicate la vita, ma sono riuscite a condurre in porta la gara.

Fin dalle prime battute, la Riozzese vuole imporre il proprio ritmo. Al 15’ l’estremo difensore lariano risponde presente su una conclusione dal limite di Frau. Poco più tardi al 19’ ecco la rete che sblocca la partita. Fallo di mani in area di un difensore del Como 2000; l’arbitro decide così di fischiare il calcio di rigore.

Dagli undici metri si presenta Meraldi che, a differenza della settimana precedente, spiazza il portiere e mette in rete il vantaggio rosanero. Qualche minuto dopo la Riozzese potrebbe raddoppiare, ma il portiere nega la gioia del goal a Gianni. Le rosanero sono in controllo della gara, ma a tre minuti dall’intervallo ecco la rete che ristabilisce la parità. Retropassaggio verso Galmuzzi, che rinvia addosso a Di Iorio. La palla rotola poi lemme lemme in fondo al sacco. È la rete che cambia gli equilibri. Dagli spogliatoi rientra un Como 2000 determinato a siglare la rete del pareggio. La difesa rosanero, però, fa buona guardia e riesce a respingere le offensive lariane. Uno dei pochi pericoli concessi è un calcio di punizione ben respinto da Galmuzzi, che si riscatta dopo l’errore commesso nel primo tempo. Nel finale le due squadre si giocano il tutto per tutto, anche nel quarto d’ora finale sembra uscire meglio la Riozzese. Al 74’ bel calcio di punizione di Zanaboni che finisce fuori un soffio. All’82’ grossa chance per Moramarco (lanciata da Giovinazzo), che però si fa ipnotizzare dal portiere ospite. Azione fotocopia all’88. Giovinazzo sradica il pallone dai piedi di un’avversaria e serve poi in profondità Moramarco. L’attaccante rosanero a tu per tu con il portiere questa volta non sbaglia e con un diagonale mancino fa 2-1. L’arbitro concede poi 5 minuti di recupero, che sembrano non passare mai. Al 93’ bella serpentina nell’area di rigore avversaria di Boldini, che calcia poi verso la porta. Tuttavia Galmuzzi è attenta e blocca la sfera. Al triplice fischio scatta la gioia rosanero. Settimana prossima nuovo test probante per le ragazze di Simone Maraschi, che affronteranno in trasferta il Mozzanica.

Domenica mattina non troppo felice, invece, per le allieve. Le rosanero sono infatti sconfitte in amichevole per 3-0 dalle pari età della Pro Sesto. Non un buon viatico in vista dell’imminente esordio in campionato. Ciò nonostante c’è ancora tempo per lavorare e correggere gli errori visti fin qui.


Nella foto Vanessa Meraldi, autrice del rigore del Vantaggio rosanero (foto Como 2000)


Matteo Conca 

Addetto Stampa